Cefalea di tipo tensivo cronica


La Cefalea di Tipo Tensivo Cronica è un disturbo che solitamente costituisce l'evoluzione di una cefalea di tipo tensivo episodica non o mal trattata, con episodi di cefalea quotidiani o molto frequenti, di durata variabile da minuti a giorni. 

La cefalea deve presentare almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • localizzazione bilaterale
  • qualità gravativo-costrittiva (non pulsante)
  • intensità lieve o media
  • non è aggravata dall’attività fisica di routine, come camminare o salire le scale

Questa diagnosi viene fatta quando la cefalea è presente per un periodo uguale o superiore a 15 giorni al mese, da più di 3 mesi (per un numero totale uguale o maggiore di 180 giorni all’anno) che soddisfi i due seguenti criteri:

  1. La cefalea dura ore o può essere continua
  2. Si verificano entrambe le seguenti condizioni:
  • non più di uno tra i seguenti sintomi: fotofobia, fotofobia e nausea lieve
  • assenza di nausea moderata o forte e di vomito

 

Inoltre la cefalea non deve essere attribuita ad altra condizione o patologia. Dobbiamo sottolineare il fatto che nella maggior parte dei casi la condizione di cefalea tensiva cronica è il risultato di un processo di peggioramento dei sintomi a volte anche molto lento, a partire da condizioni molto meno gravi e, per questo, spesso sottovalutate e non trattate adeguatamente. Ci sono casi in cui tuttavia la condizione cronica si è innescata all'improvviso, come risultato di eventi fortemente stressanti o di eventi moderatamente stressanti ma in persone già fortemente o cronicamente stressate. E' bene precisare inoltre che da tutte queste condizioni è comunque sempre possibile uscire, a patto che si intraprendano trattamenti che vadano ad agire sulle cause e non solo temporaneamente sui sintomi.

Vedi anche:

 

 

 

I contenuti pubblicati in questo sito web non devono essere utilizzati come strumento di autodiagnosi.